Articoli

Il Bar del Post

Pubblicato il

Oggi il caffè con Enrico. Parliamo di Turismo Sanitario e marketing

Oggi incontro Enrico Rudello, founder di Itaca Lab, agenzia di comunicazione di Padova dedicata al Marketing Sanitario per le strutture socio sanitarie.

Enrico: Ciao Marco, è un vero piacere incontrarti.

IO: Ciao Enrico, il piacere è tutto mio! Vorrei spiegassi ai lettori di cosa ti occupi nella tua agenzia visto che il tuo lavoro tratta il settore medicale su cui moltissimi Paesi stanno investendo in questi ultimi anni. Prima però partiamo dalle basi, raccontaci un pò di te e come sei arrivato a Itaca Lab.

Enrico: Itaca Lab è un progetto nato 2 anni fa per esigenza, questo doveva supportare un progetto molto ambizioso, ancora in fase si sviluppo, dal nome “A Way for Health” per attività di Turismo Sanitario e Mobilità Sanitaria. Per sviluppare un portale di Turismo Sanitario c’è la necessità di una conoscenza molto profonda delle strategie di comunicazione rivolte a un pubblico che usufruisce di servizi sanitari. Per questo motivo è nata Itaca Lab (Italian Cares Lab) che offre tutti i servizi di gestione dei canali di comunicazione per le realtà e strutture che ruotano attorno al settore sanitario.

IO: Dopo questa doverosa premessa parlami di Itaca Lab.

Enrico: La comunicazione oggi, in qualunque settore, è un’area strategica perché favorisce la rappresentazione del prodotto che caratterizza un’azienda. Nel settore sanitario acquisisce una rilevanza maggiore poiché contribuisce a costruire una cultura responsabile della scelta da parte del paziente e a far conoscere più elementi possibili rispetto a tematiche medicali e alla Mobilità Sanitaria, di cui vorrei parlarti più tardi. Itaca Lab sviluppa strategie comunicative ad hoc per favorire la diffusione di informazioni tecniche in modo comprensibile a tutti utilizzando linguaggi semplici e metodi personalizzati di comunicazione sanitaria. Per chi fosse interessato inoltre ci occupiamo di consulenza strategica digitale rivolta al Marketing Sanitario facilitando progetti di trasformazione e innovazione per le realtà che ruotano intorno a questo ambito, quindi poliambulatori, cliniche, professionisti, strutture farmaceutiche e produttrici di dispositivi medici applicazioni mhealth (più comunemente chiamate App Mobile).

IO: Spiegati meglio. Cos’è il Marketing Sanitario?

Enrico: Per costruire una solida attività (e struttura) sanitaria i medici non possono trascurare l’importanza di una strategia di Marketing Sanitario coesa. Per i consumatori responsabilizzati all’assistenza sanitaria, i medici rimangono una fonte ben consolidata di informazioni, tuttavia quando si tratta di cercare tali informazioni, il viaggio del paziente per trovare i medici e i trattamenti più idonei può non essere facile. Mentre i medici esperti capiscono l’importanza di promuovere il loro lavoro, molti altri non sanno da dove cominciare o semplicemente non ne capiscono l’importanza, di conseguenza, non adottano un approccio reattivo al Marketing Sanitario e gran parte del loro straordinario lavoro passa inosservato. Ciò non solo è dannoso per il business, ma è anche un disservizio per i potenziali pazienti che desiderano apprendere informazioni accurate su come curarsi nel migliore dei modi. Collegando invece i pazienti con il loro prezioso lavoro, i medici possono stabilire relazioni che uniscono sia migliori risultati clinici che migliori prestazioni aziendali.

IO: Interessante. Ma quindi, anche se ogni singola Strategia di Marketing Sanitario è personalizzata sulle esigenze del cliente, è possibile comunque stabilire dei punti chiave sui cui ogni struttura sanitaria dovrebbe investire oggi per essere più competitiva?

Enrico: Certamente. Bisogna puntare innanzitutto su un sito web ben sviluppato (intendo user friendly, facile da utilizzare anche da chi ha delle disabilità, per esempio dagli ipovedenti) e indicizzato con contenuti sempre aggiornati e creare una buona presenza sui principali canali social in modo da sviluppare una Strategia di Marketing multicanale ed essere facilmente trovato dagli utenti; il passo successivo è coinvolgere attivamente i pazienti attraverso Newsletter, un blog aggiornato e rispondendo a tutti i feedback online, formare lo staff che è a stretto contatto con i pazienti e monitorare costantemente la propria presenza sul web: questo approccio pro attivo consentirà di gestire meglio la comunicazione sanitaria e lavorare sull’immagine aziendale.

IO: Prima hai accennato al Turismo Sanitario. Di che si tratta?

Enrico: Il Turismo Sanitario è un fenomeno presente in tutto il mondo e consiste nell’abbinamento di un determinato trattamento sanitario ad una destinazione turistica specifica che permetta di godere anche una parte di vacanza. La Mobilità Sanitaria – regionale e internazionale – è in crescita costante negli ultimi anni grazie soprattutto alla facilità di accesso all’informazione e alla semplicità di organizzazione di un viaggio attraverso strumenti digitali. Le eccellenze italiane nei campi della sanità e del turismo ne fanno una destinazione di punta mondialmente riconosciuta. Itaca Lab, con il neo-nato progetto A Way for Health, supporta le strutture sanitarie che intendono inserirsi in tale settore di mercato con pacchetti elaborati su misura.

IO: Nello specifico cosa fate?

Enrico: Valutiamo con grande cura la particolare necessità del paziente e della sua famiglia così da offrire un supporto totale durante il viaggio e soggiorno in Italia. Aiutiamo i pazienti a trovare le migliori strutture sanitarie che rispondono alle esigenze richieste e insieme pianifichiamo e gestiamo ogni dettaglio del viaggio della salute, coprendo l’intero processo dalla partenza fino al ritorno a casa. Per rispondere nel dettaglio alla tua domanda, gestiamo quindi sia il coordinamento medico di tutti gli appuntamenti del paziente (consultazioni di telemedicina, stime dettagliate di tutti i servizi necessari, infermieri privati o assistenti infermiere, pasti speciali che soddisfano i requisiti dietetici e servizi di assistenza domiciliare o alberghiera) fino alla cura della persona (trasporto, incluso il prelievo in aeroporto e in hotel, servizi di sistemazione alberghiera per i pazienti e le loro famiglie, accompagnatori privati per appuntamenti medici, disposizioni per particolari esigenze culturali o religiose, guide turistiche per visite turistiche ed eventi speciali).

IO: Sembra un progetto davvero ben sviluppato. Grazie Enrico per averci raccontato le tue due belle realtà, un grande in bocca al lupo per tutto!

Enrico: Grazie a te per questa chiacchierata e per avermi dato la possibilità di parlarne ai tuoi lettori.

CONSIDERAZIONI di VINCENZO: questa realtà mi sembra proprio vicina alle persone. Il mercato globale oggi è anche questo ed allargare gli orizzonti vuol dire essere presente nella vita del cliente. Questo modello di servizio personalizzato e completo, mi sembra proprio una IDEA BUONA. Fare impresa, connessi al mercato. Iniziativa importante da cogliere al volo. Sì, anche oggi ho sentito qualcosa d’interessante.